QuiCantù

C'era di tutto nella discarica abusiva di rifiuti scoperta dai vigili di Cantù

Denunciati quattro uomini per abbandono di rifiuti pericolosi

Un'altra discarica abusiva scoperta a Cantù grazie all'impegno e alle indagini degli agenti di polizia locale. Mercoledì 6 febbraio i vigili hanno fermato un autocarro guidato da un cittadino ganese di 40 anni sul quale già da tempo erano in corso alcune indagini.

Dopo il normale controllo del veicolo gli agenti si sono fatti condurre nel luogo dove era diretto il camion, cioè in un cortile di via Monte Baldo dove è stata scoperta una vera e propria discarica abusiva di rifiuti pericolosi. In prossimità del cortile è situato anche un magazzino di 300 metri quadrati anch'esso utilizzato per stoccare rifiuti pericolosi. Nel cortile ono stati scoperti: 1 congelatore, 5 televisori, 4 condizionatori, 30 batterie auto, 30 batteria motocicli, 1 pneumatico. All'interno del magazzino c'erano 66 televisori, 38 computer di varie dimensioni; 9 ferri da stiro; 2 tastiere computer; 2 macchinette del caffè; 2 cucine a gas; 1 fotocopiatrice da ufficio; 2 frigoriferi; 3 congelatori; 66 videoregistratori.
L'uomo è stato denunciato insieme a tre italiani residenti tra Cantù e Capiago Intimiano per abbandono e deposito di rifiuti pericolo per cui è previsdta la pena dell'arresto da sei mesi a due anni e con l'ammenda da duemilaseicento euro a ventiseimila.

Potrebbe interessarti

  • Como, i geni della segnaletica: strisce da rifare dopo due giorni

  • La Valle Intelvi cerca un medico: vitto e alloggio gratis

  • Como, sciopero funicolare e treni Trenord: i giorni e gli orari, tutte le informazioni

  • Troppe biciclette a bordo: un esercito di riders blocca il treno da Milano a Como

I più letti della settimana

  • Cermenate, si spara davanti al bar: morto 32enne

  • Como, i geni della segnaletica: strisce da rifare dopo due giorni

  • Dramma a Montano Lucino: 37enne trovato morto nel parcheggio del cinema

  • I 10 eventi da non perdere in questo weekend a Como e al lago

  • Scoppia il serbatoio di Gpl, un morto a Gravedona

  • Mauro Pigazzini di Garlate, l'uomo morto nell'esplosione del serbatoio di Gpl a Gravedona

Torna su
QuiComo è in caricamento