QuiCantù

Inseguimento a Cantù, fugge in moto con la targa contraffatta: incastrato dalle telecamere

Bloccato e denunciato un 43enne con patente revocata: per lui multa da 5mila euro

Il fotogramma che ha incastrato l'uomo a Cantù

In giro per Cantù a bordo di una moto con targa contraffatto: beccato dalle telecamere che sorvegliano i varchi della città. E' successo mercoledì 27 giugno 2018 poco dopo le 16 quando una pattuglia della Polizia Locale di Cantù ha intercettato la moto, una Honda 750 con targa contraffatta, dopo che questo era transitato attraverso il varco di via Milano, dove sono in funzione le telecamere di lettura targhe collegate al Sistema Centrale Targhe e Transiti del Ministero dell'Interno, pienamente funzionanti da questa primavera.

L'inseguimento

Ricevuto l'allert, la pattuglia ha seguito la moto finchè non si è fermata ad un bar: qui il conducente si è accorto dei vigili, è risalito a bordo del mezzo dandosi alla fuga. La pattuglia si è messa quindi all'inseguimento della Honda bloccandola dopo circa un chilometro. 

Subito l'uomo alla guida, vistosi scoperto, è sceso dalla moto tentando di cancellare le tracce della contraffazione della targa: invano, perchè è stato bloccato dagli agenti. I vigili hanno sequestrato le targhe e denunciato il conducente per il reato di contraffazione di targhe. Sequestrata anche la moto ai fini della confisca.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Spot
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Gli accertamenti

L'uomo denunciato è un 43enne italiano residente in Svizzera, G.P. le sue iniziali: accertamenti effettuati in collaborazione con la polizia svizzera hanno accertato che l'uomo stava circolando con patente revocata, violazione per la quale è stata elevata una sanzione da 5mila euro. In corso anche accertamenti da parte della polizia svizzera, in merito ad illeciti eventualmente effettuati in territorio elevetico con la targa contraffatta. "Esprimo grande soddisfazione per l'intervento svolto che non è casuale - ha dichiarato l'assessore canturino competente Metrangolo- mutua da un'attenta programmazione nell'utilizzo coordinato del sistema di lettura targhe e delle pattuglie dislocate sul territorio, per tutelare la sicurezza della città, dal punto di vista stradale e non solo. Un Comando di Polizia Locale abituato ad esercitare le proprie funzione con abnegazione e professionalità  e nella massima discrezione".

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Autocertificazione per chi si sposta: il modulo aggiornato (il quarto)

  • Pasqua blindata, restrizioni almeno fino al 18 aprile

  • All'ospedale Sant'Anna 20 dipendenti contagiati: sono medici, infermieri e operatrici socio-sanitarie

  • Idee anticrisi, ecco i dining bonds: li paghi meno di quello che valgono, li spendi alla riapertura del ristorante

  • Bonus spesa e cibo: gli aiuti del governo in provincia di Como arriveranno attraverso i servizi sociali

  • 81 morti per coronavirus all'ospedale Sant'Anna dall'inizio dell'emergenza

Torna su
QuiComo è in caricamento