QuiCantù

Blitz dei vigili di Cantù: oltre 20mila euro di multa al ristorante Chebika

Controlli dei vigili: sanzionato e chiuso anche un alimentari di cibi orientali per motivi iginico-sanitari

I controlli dei vigili di Cantù sono costati molto cari a due attività commerciali della cittadina brianzola. Maxi multa al ristorante Chebika di via Giovanni Da Cermenate dove gli agenti di polizia locale hanno riscontrato diverse irregolarità intimando, di conseguenza, la temporanea chiusura. Batosta anche per l'Oriental Shop di via Milano dove tra le varie irregolarità i vigili e gli uomini dell'ispettorato del lavoro dei carabinieri (con il personale dell'Ats) hanno riscontrato carenze igienico-sanitarie.

Oltre 20mila euro di multa al Chebika

Secondo quanto reso noto dal comando di polizia locale di Cantù in una nota stampa, il ristorante Chebika di Cantù è stato multato con 400 euro per assenza di etilometri usa e getta per i clienti. Inoltre dei 10 lavoratori presenti al momento del controllo sei di loro non sarebbero risultati regolari: la multa prevista è di 3.600 euro per ciascun lavoratore, per un totale, quindi, di 21.600 euro. Inoltre è risultato che una sala adibita a ospitare i clienti era in precedenza un magazzino per il quale - dicono i vigili - non è stata fatto il cambio di destinazione d'uso. Altre violazioni riscontrate: mancanza di idonei sistemi di ventilazione al piano seminterrato e mancata manutenzione dei sistemi di sicurezza e salute dei lavoratori.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Carenze igieniche: chiuso l'alimentari

Delicata anche la posizione del negopzio di generi alimentari denominato Oriental Shop, situato in via Milano. Il negozio è stato chiuso per violazione delle norme igienico-sanitarie (tra l'altro era assente per alcuni prodotti la tracciabilità della proveninza). Poco più di mille euro di multa per la mancanza dei prezzi sulle merci esposte, 440 euro di multa per la mancanza del cartello "vietato fumare" e altre sospette violazioni (in fase di approfondimento) riguardo presunte irregolarità dal punto di vista urbanistico ed edilizio.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Gemelli uccisi, al funerale la lettera della madre e 'Un senso' di Vasco Rossi per l'ultimo straziante saluto

  • E' morto l'uomo ghepardo di Como

  • Stipendi in Ticino: un commesso guadagna in media 5mila franchi, un'ostetrica fino a 8mila

  • Statale Regina: multe salatissime e ritiro immediato del mezzo per chi circola senza assicurazione

  • Multa fino a 1.500 euro per chi pesca un siluro e non lo ammazza

  • Brienno, morto il motociclista caduto in galleria

Torna su
QuiComo è in caricamento