QuiCantù

Cantù e la 'ndrangheta, Molteni (Lega) chiede alla commissione antimafia d'intervenire

"Urge incrementare la presenza di forze di pubblica sicurezza sul territorio"

Piazza Garibaldi a Cantù

Dopo la clamorosa operazione anti 'ndrangheta che ha svelato quanto e come la criminalità organizzata si sia ben innestata nel territorio canturino, ecco che la politica si fa sentire. E lo fa con il deputato leghista Nicola Molteni che ha fatto sapere di avere inoltrato giovedì 28 settembre 2017 una lettera alla commissione parlamentare antimafia.

Molteni ha chiesto di "occuparsi immediatamente dei fatti accaduti, svolgere un’inchiesta dettagliata e attivare tutti i poteri speciali di controllo e monitoraggio di competenza dell'organismo parlamentare".

"Vista la gravità dei fatti - ha inoltre fatto sapere il parlamentare del Carroccio - la prossima settimana incontrerò direttamente la stessa presidente della commissione parlamentare antimafia Rosy Bindi per avere rassicurazioni sulle iniziative che intende mettere in campo per verificare e valutare il grado di infiltrazioni mafiose in città.  Allo stesso tempo - ha poi affermato Molteni - con l’aggravarsi dell’emergenza sicurezza a Cantù, ho presentato un’interrogazione al ministro Minniti per chiedere di aumentare sensibilmente le forze di pubblica sicurezza stanziate per il territorio canturino volte a contrastare in maniera più efficace le infiltrazioni 'ndranghetiste. Misure, queste, che alla luce delle ultime notizie sono divenute improcrastinabili e necessarie”. 
 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Virus cinese, ecco le indicazioni del Ministero della Salute

  • I 10 migliori eventi del weekend a Como e dintorni

  • Bollo auto, sconti e nuova modalità di pagamento: cosa cambia nel 2020

  • Como, i furbetti del sacco rosso

  • Como, trovata donna morta in casa via Polano

  • Cantù, 30enne ubriaco in gravi condizioni: soccorso in piazza Garibaldi

Torna su
QuiComo è in caricamento