QuiCantù

Ospedale di Cantù: nuovo ecografo per la radiologia

Presentata l'apparecchiatura di ultima generazione

Il nuovo ecografo dell'ospedale di Cantù

Un ecografo di ultima generazione per potenziare l'offerta di esami specialistici all'ospedale di Cantù.

E' stato presentato venerdì 1° settembre durante una conferenza stampa ed è già operativo dalla prima settimana di agosto nel reparto di Radiologia del Sant'Antonio Abate diretto da Rosa Maria Muraca.

L’Asst Lariana ha acquistato l’ecografo a metà luglio per un investimento di 134mila euro (iva inclusa) ed è stato consegnato nella struttura di via Domea il 2 agosto scorso, data dalla quale ha preso il via la formazione del personale.
Si tratta di un ecografo di alta gamma, carrellato, caratterizzato da un’elevata qualità dell’immagine radiologica, che consentirà al reparto di ampliare l’offerta di esami specialistici sia per i pazienti ricoverati sia per quelli ambulatoriali.

“La prima settimana – ha spiegato il primario Rosa Maria Muraca - siamo stati affiancati da uno specialista, che ritornerà più giornate nel mese di settembre per coadiuvarci nell'uso e nel verificare e approfondire le potenzialità dell’apparecchiatura che è dotata di cinque sonde, rispettivamente, per lo studio dell'addome, delle parti molli, dell'apparato muscolo-scheletrico, delle mammelle e per lo studio vascolare sia arterioso che venoso. Ringrazio la Direzione strategica per l’attenzione dedicata ai nostri progetti di crescita e per aver consentito uno sviluppo tecnologico ulteriore del reparto oltre che aver assunto due nuovi medici e aver sostituito immediatamente una dipendente andata in pensione”.

Il “vecchio” ecografo non sarà dismesso in quanto ancora utilizzabile: sarà impiegato in particolare per le urgenze di Pronto Soccorso.

All’ospedale di Cantù vengono eseguiti 7mila esami ecografici all'anno.
Con la nuova acquisizione tecnologica nel presidio sarà incrementato, a partire dal 2018, il profilo dell'offerta con l'inserimento nel novero degli esami prenotabili dai pazienti esterni lo studio ecocolordoppler degli arti inferiori e superiori (sia arterioso che venoso),già effettuato per i degenti, e quello delle anse intestinali.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Virus cinese, ecco le indicazioni del Ministero della Salute

  • I 10 migliori eventi del weekend a Como e dintorni

  • Bollo auto, sconti e nuova modalità di pagamento: cosa cambia nel 2020

  • Como, i furbetti del sacco rosso

  • Como, trovata donna morta in casa via Polano

  • Cantù, 30enne ubriaco in gravi condizioni: soccorso in piazza Garibaldi

Torna su
QuiComo è in caricamento