QuiCantù

Pirata della strada fugge dopo incidente: trovato ubriaco e drogato sul divano di casa

Rapidissima indagine dei vigili di Cantù: l'uomo denunciato anche per omissione di soccorso

Incidente Cantù 13 luglio 2018

Ha provocato un incidente ed è poi fuggito senza prestare soccorso. Nei guai un 40enne canturino che intorno alle ore 20 del 13 luglio 2018 mentre era alla guida di una Smart è andato a sbattere contro una Kia dopo avere superato una serie di auto in colonna all'incrocio tra via Lazzaretto e via Monte Baldo a Cantù. L'uomo non si è fermato ma è fuggito, nonostante l'incidente abbia causato il ferimento della persona a bordo della Kia. 
Gli agenti della polizia locale della cittadina brianziola, però, hanno rinvenuto sul luogo dell'incidente la targa persa dalla Smart al momento dell'urto. Da lì in poi le indagini sono state rapidissime. La Smart è risultata intestata a una società di leasing. Grazie al gps si è riusciti in mezz'ora a risalire al luogo dove era parcheggiata. I vigili hanno trovato il 40enne pirata della strada mentre era sdraiato sul divano di casa sua in preda ai fumi dell'alcol e della droga.
L'uomo è stato denunciato sia per omissione di soccorso che per guida in stato di ebbrezza e sotto gli effetti di sostanze stupefacenti. Rischia il carcere fino a 3 anni e un'ammenda da 6mila euro.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Spot
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Autocertificazione per chi si sposta: il modulo aggiornato (il quarto)

  • Dall'ospedale Spata scrive una durissima lettera a Gallera: "I medici non sono stati coivolti nelle decisioni"

  • Regole più severe per tutta la Lombardia: c'è anche il divieto di sport all'aperto

  • Il questore di Como chiarisce i casi in cui per la spesa e i farmaci si può uscire dal proprio comune

  • Como, supermercati e farmacie: ora possibile misurare la febbre a chi entra

  • Il grido d'aiuto degli infermieri di Como: "Siamo pochi e ci stiamo ammalando"

Torna su
QuiComo è in caricamento