QuiCantù

Ramadan a Cantù, ricorso vinto: sì alla preghiera islamica nel capannone di via Milano

Il Tar ha accolto la richiesta dell'Associazione Culturale Assalam

I fedeli musulmani potranno pregare nel capannone di via Milano a Cantù durante il Ramadan: è stato accolto dal Tar della Lombardia il ricorso urgente dell'Associazione Culturale Assalam, (proprietaria della struttura già finita al centro delle polemiche, con presidi da parte della Lega), di poter celebrare lì il mese sacro dell'Islam. 
Il ricorso era stato presentato dal gruppo contro il divieto del Comune di Cantù: la decisione del Tar è arrivata venerdì 26 aprile, giusto in tempo per l'inizio del Ramadan, che inizierà domenica 5 maggio. 
Il permesso è temporaneo, limitato al mese appunto del Ramadan, e resta in vigore la capienza massima delle struttura di 99 persone.
All'amministrazione comunale canturina il compito di sorvegliare l'osservanza di tale prescrizione.

Polemiche sulla concessione di spazi per il Ramadan anche a Como dove, nonostante l'opposizione della Lega, il Comune ha concesso il parco Negretti per la celebrazione della preghiera.

Potrebbe interessarti

  • Como, i geni della segnaletica: strisce da rifare dopo due giorni

  • La Valle Intelvi cerca un medico: vitto e alloggio gratis

  • Como, sciopero funicolare e treni Trenord: i giorni e gli orari, tutte le informazioni

  • Troppe biciclette a bordo: un esercito di riders blocca il treno da Milano a Como

I più letti della settimana

  • Cermenate, si spara davanti al bar: morto 32enne

  • Como, i geni della segnaletica: strisce da rifare dopo due giorni

  • Dramma a Montano Lucino: 37enne trovato morto nel parcheggio del cinema

  • I 10 eventi da non perdere in questo weekend a Como e al lago

  • Scoppia il serbatoio di Gpl, un morto a Gravedona

  • Mauro Pigazzini di Garlate, l'uomo morto nell'esplosione del serbatoio di Gpl a Gravedona

Torna su
QuiComo è in caricamento