QuiCantù

Scippa, picchia e tenta di violentare una donna: arrestato a Cantù

La vittima aiutata da due esercenti e da un vigili in borghese

Violenza nella mattina del 29 agosto 2018 nel centro di Cantù. Una donna di nazionalità nigeriana è stata avvicinata da un uomo di origine liberiana intorno alle 9 del mattino in via Ariberto, vicino a piazza Garibaldi. L'uomo ha cercato di scippare la donna ma questa ha opposto resistenza. Anziché desistere dal suo intento il rapinatore l'ha spinta a terra e colpita con calci e pugni e le ha sottratto alcuni euro in moneta. La donna, però, è riuscita a scappare e si è rifugiata in un negozio chiedendo aiuto ai due esercenti. Il liberiano l'ha inseguita ed è entrato nel negozio ancora con l'intento di derubarla ma ha trovato la resistenza dei due negozianti che lo hanno cacciato e inseguito per strada iniziando un violento diverbio. E' a questo punto che è intervenuto un vigili di Cantù in borghese che ha separato i litiganti impedendo allo stesso tempo al liberiano di fuggire. In poco tempo sono sopraggiunti i colleghi della polizia locale. Si è scoperto che il liberiano nella notte aveva cercato di violentare la donna. I due si conoscevano solo di vista. L'uomo sarà processato con rito direttissimo.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Spot
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Dopo la convalida del fermo, concesso anche nulla osta per l'espulsione dall'Italia. 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Autocertificazione per chi si sposta: il modulo aggiornato (il quarto)

  • Dall'ospedale Spata scrive una durissima lettera a Gallera: "I medici non sono stati coivolti nelle decisioni"

  • Regole più severe per tutta la Lombardia: c'è anche il divieto di sport all'aperto

  • Il questore di Como chiarisce i casi in cui per la spesa e i farmaci si può uscire dal proprio comune

  • Como, supermercati e farmacie: ora possibile misurare la febbre a chi entra

  • Il grido d'aiuto degli infermieri di Como: "Siamo pochi e ci stiamo ammalando"

Torna su
QuiComo è in caricamento