QuiCantù

Cantù, ritirava vestiti usati dai cassonetti (abusivi) per i poveri e li rivendeva in Africa: denunciato

Sequestrati dalla polizia locale i due cassonetti gialli del parcheggio dell'Eurospin di via Milano e dell'Unes di via Fossano

Il furgone carico di vestiti usati sequestrato a Cantù

Posizionava i cassonetti gialli per la raccolta degli abiti usati per i poveri a Cantù, ma nessuno di quegli indumenti andava in beneficenza, bensì venivano spediti in Senegal per essere rivenduti.
Per questo un 40enne italiano di origine senegalese, S.W. le sue iniziali, residente a Limbiate (provincia di Monza e Brianza) è stato fermato e denunciato.

Operazione "Mala fede"

L'operazione, denominata evocativamente "In mala fede", è stata condotta dalla polizia giudiziaria del comando di polizia locale di Cantù ed era tesa al contrasto del traffico illecito e deposito di rifiuti.
Tutto è iniziato alcuni mesi fa dopo le segnalazioni di alcuni cittadini che avevano notato anomalie nel ritiro di indumenti e rifiuti dai cassonetti solitamente utilizzati per la cessione ai fini solidaristici ed umanitari di indumenti ed altri oggetti di vario tipo.

Dalla mappatura compiuta nelle scorse settimane si era appreso che sul territorio comunale di Cantù c'erano dei cassonetti non debitamente autorizzati: dagli approfondimenti del caso la polizia locale ha appurato che il ritiro cadenzato del materiale non veniva compiuto da ONLUS o Associazioni deputate a tali fini.

Il fermo e la denuncia

Nella giornata di lunedì 4 febbraio 2019, in seguito a un servizio mirato nel parcheggio del Supermercato Eurospin di via Milano, è stato fermato il 40enne di Limbiate intento a prelevare il contenuto dai cassonetti e depositarlo all'interno di un furgone.
L'uomo ha riferito alla polizia locale di svolgere attività di recupero di vestiti usati e rifiuti di varia natura, prelevandoli abitualmente da 2 cassonetti per la raccolta di indumenti, uno posizionato in via Milano nel parcheggio dell'Eurospin e l'altro nel parcheggio del Supermercato "UNES" di via Fossano.
Il 40enne ha aggiunto di svolgere questa attività per conto proprio, in quanto gli indumenti recuperati vengono regolarmente da lui depositati presso il suo garage di Limbiate da dove, effettuata una cernita, venivano spediti in Senegal per la rivendita.

La polizia locale canturina ha sequestrato il furgone e i due cassonetti e ha deferito all'Autorità giudiziaria l'uomo per traffico illecito di rifiuti non pericolosi (reato che che prevede la pena dell'arresto da tre mesi a un anno o l'ammenda da 2.600 a 26mila euro), e per spedizione di rifiuti (punita con la pena dell'ammenda da 1.550 a 26mila euro e con l'arresto fino a due anni).

Indagini e perquisizioni a Limbiate

Le indagini sono tutt'ora in corso: in queste ore sono in fase di svolgimento ispezioni nel Comune di Limbiate con la collaborazione del relativo Comando di Polizia Locale, per l'identificazione di ulteriori responsabili ed ipotesi di reato. 

Potrebbe interessarti

  • Como, i geni della segnaletica: strisce da rifare dopo due giorni

  • La Valle Intelvi cerca un medico: vitto e alloggio gratis

  • Como, sciopero funicolare e treni Trenord: i giorni e gli orari, tutte le informazioni

  • Troppe biciclette a bordo: un esercito di riders blocca il treno da Milano a Como

I più letti della settimana

  • Cermenate, si spara davanti al bar: morto 32enne

  • Como, i geni della segnaletica: strisce da rifare dopo due giorni

  • Dramma a Montano Lucino: 37enne trovato morto nel parcheggio del cinema

  • I 10 eventi da non perdere in questo weekend a Como e al lago

  • Scoppia il serbatoio di Gpl, un morto a Gravedona

  • Mauro Pigazzini di Garlate, l'uomo morto nell'esplosione del serbatoio di Gpl a Gravedona

Torna su
QuiComo è in caricamento